1. Home
  2. »
  3. Ansedonia (GR)
Ansedonia
Ansedonia
Ansedonia
Ansedonia
Ansedonia
AnsedoniaAnsedoniaAnsedoniaAnsedoniaAnsedonia
Contact Information
Indirizzo:
Ansedonia (GR), Mare vicino Roma, Vicino Roma
Descrizione:

Rinomata località turistica del litorale tirrenico, Ansedonia è situata sull'omonimo promontorio al limite sud-est del territorio comunale di Orbetello, nelle vicinanze delle rovine dell'antica città romana di Cosa.

A circa due ore da Roma, ad Ansedonia troviamo in realtà due spiagge: una (sul versante nord - ovest) si affaccia verso l'Argentario e l'altra (sul versante sud - est) verso il litorale di Capalbio.

Sono entrambe sabbiose con spiaggia libera, stabilimenti balneari, bar e ristoranti.

Su entrambe, la profondità dell'acqua entrando in mare si mantiene bassa per parecchi metri dalla riva.

La spiaggia di Ansedonia rivolta verso l'Argentario è la parte finale del tombolo della Feniglia.

Alle spalle della spiaggia c'è la meravigliosa pineta della riserva forestale, in cui non è difficile intravedere i numerosi daini che la popolano.

Nella primissima parte della spiaggia ci sono due stabilimenti balneari con bar e ristorante.

Subito dopo invece, troverete alcuni km di spiaggia libera, se avrete voglia di camminare potrete trovare ampi spazi di spiaggia libera completamente deserta, dove i tronchi portati a riva dalle mareggiate invernali, rendono l'ambiente molto suggestivo ed affascinante.

La spiaggia rivolta verso Capalbio è la parte iniziale del litorale che prosegue poi verso il Lazio.

Troverete subito uno stabilimento balneare con bar e ristorante, ma la spiaggia libera non manca.

Questa parte della spiaggia di Ansedonia, è caratterizzato dalla presenza della Tagliata, della Torre Puccini (o Torre della Tagliata) e dello Spacco della Regina che si trovano direttamente sulla spiaggia.

Ansedonia
Ansedonia

Dove dormire ad Ansedonia (GR)



Booking.com

 

Acquista qui al miglior prezzo i migliori tour offerti dai tour operator ufficiali tramite Viator, il servizio offerto dalla TripAdvisor.

A tua disposizione le migliori guide turistiche e accompagnatori turistici autorizzati di Roma e dintorni pronti a svelarti tutti i posti nascosti e i segreti dell'isola del Giglio e del Monte Argentario
Aiuta l’industria del turismo e l’economia italiana a ripartire!

Ansedonia | Tagliata Etrusca

La Tagliata Etrusca sorge ai piedi del versante sud-est del colle di Ansedonia, dove in antichità si trovava il porto della città di Cosa, un modesto scalo marittimo, di cui sono ancora visibili (oltre alla suddetta Tagliata) i resti semisommersi dal mare di moli e frangiflutti.

Ma torniamo alla Tagliata Etrusca e diciamo subito che nel nome si nasconde un errore, si tratta infatti di una magnifica opera di ingegneria idraulica romana… e non etrusca!

Venne realizzata per ottimizzare il flusso ed il riflusso delle acque dal porto, in modo da evitarne l'insabbiamento.

Dopo averla ammirata dal basso, una scalinata vi permette di salire sul fianco del promontorio rivolto al mare, ed osservare gli incassi delle paratie con cui si apriva e chiudeva il canale.

Ancora oggi, in condizioni di mare agitato, potrete osservare chiaramente la dinamica del movimento delle acque nella Tagliata.

Ansedonia | Spacco della Regina

Vicino alla Tagliata si trova lo Spacco della Regina: una fenditura naturale della roccia, che in tempi remoti svolgeva le funzione della Tagliata, poi una frana la rese inagibile e venne probabilmente riutilizzata per celebrare riti religiosi.

L'ingresso è stretto e buio, sarebbe utile avere una torcia, tuttavia superati i primissimi metri, la luce che penetra (in modo molto suggestivo) dalla fenditura in alto, è sufficiente a fornire un'illuminazione apprezzabile.

Nello spacco della Regina troviamo tre ambienti intervallati da tre stretti cunicoli.

Sono ancora perfettamente visibili gli antichi colpi di scalpello che hanno modellato questi ambienti.

Il silenzio profondo, la luce che penetra tra la vegetazione in alto e le strette pareti di roccia, creano una suggestione fuori dal comune; una volta che vi troverete all'interno, potrete facilmente comprendere come questo luogo abbia dato origine a numerose leggende.

Ansedonia
Ansedonia

Cosa vedere ad Ansedonia | Monumenti e luoghi d'interesse

Ansedonia | Architetture religiose

  • Oratorio di San Biagio alla Tagliata, edificio di culto della frazione, è stato costruito su di un antico mausoleo romano.

Ansedonia | Architetture civili

  • Villa Tonda all'Oliveto, progettata dall'architetto Oreste Martelli Castaldi e costruita in via del Fiordaliso tra il 1969 e il 1978
  • Villa Ascarelli, progettata da Giovanni Ascarelli dello studio Transit nel 2002, è stata costruita sul declivio della collina di Ansedonia tra il 2003 e il 2005.
  • Villa Milone, progettata da Giovanni Ascarelli dello studio Transit nel 2004, è stata costruita tra il 2005 e il 2007, andando a riproporre in chiave contemporanea una villa con vista sul mare risalente agli anni sessanta.

Ansedonia | Architetture militari

  • Torre della Tagliata, è stata costruita sul luogo di una torre di epoca medievale nel corso del XVI secolo. L'edificio ha subito alcuni interventi di restauro nei secoli successivi e, terminate le funzioni difensive, venne trasformato in abitazione. Fu soggiorno del celebre compositore Giacomo Puccini, che qui scrisse molte sue opere, tra cui la Turandot.
  • Torre di San Biagio, situata nei pressi del cosiddetto Spacco della Regina, è stata edificata nel medioevo come torre di avvistamento e poi potenziata dagli spagnoli nel XVI secolo. Attualmente si presenta come un imponente rudere ben conservato.
  • Torre di San Pancrazio, costruita nella seconda metà del XVI secolo dagli spagnoli per rafforzare il sistema difensivo costiero dello Stato dei Presidi, ha svolto funzioni di avvistamento, di difesa ed offesa fino agli inizi del XIX secolo. Oggi la torre è inglobata all'interno di un complesso privato.

Ansedonia
Ansedonia

Ansedonia | Siti archeologici

  • Cosa: fondata nel 273 a.C. dai romani come colonia, fu totalmente abbandonata nel XIV secolo. Si conservano resti delle mura ciclopiche, del foro romano e del tempio di Giove. Poco distante si trova la villa Settefinestre, risalente al I secolo a.C., anche se modificata nel XV secolo.
    • Mura di Cosa: costruite nel corso del III secolo a.C., si estendevano originariamente per quasi un chilometro e mezzo ed erano rafforzate da ben diciotto torri. Dopo la caduta dell'impero romano e il progressivo abbandono di Cosa, le mura andarono incontro ad un consistente degrado, finché non vennero restaurate dai conti Aldobrandeschi nell'XI secolo, per poi essere nuovamente abbandonate. La cinta muraria è stata riportata agli antichi splendori da un lungo restauro terminato alla fine del XX secolo.
  • Tagliata Etrusca, notevole opera di ingegneria risalente al periodo etrusco-romano. Si tratta di un canale tagliato nella roccia lungo la costa a sud-est del promontorio, ideato per evitare l'insabbiamento dell'antico porto creando un sistema di contro-correnti provenienti dal mare e dal canale emissario del non lontano Lago di Burano.
  • Spacco della Regina, grande spaccatura del promontorio soprastante che si sviluppa lungo alcuni cunicoli scavati artificialmente.

Nei dintorni di Ansedonia | Orbetello & Monte Argentario

I Comuni di Orbetello e di Monte Argentario si trovano a pochi minuti di auto da Ansedonia.

Il tratto comune che lega Orbetello alle località di Porto Santo Stefano e di Porto Ercole è una spiaggia da visitare della Costa d’Argento.

Sia Orbetello che Porto Santo Stefano e Porto Ercole, offrono la possibilità di belle passeggiate nella natura, sulla laguna o sul lungomare, e la possibilità di ammirare alcuni panorami mozzafiato che solo la costa toscana può offrire.

Ansedonia
Ansedonia

 

Lascia un commento

Send message to listing owner

Send message to moderator

Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.