0.0
  1. Home
  2. »
  3. Pincio
Pincio
Pincio
Pincio
Pincio
Casina Valadier - Pincio
Horti Sallustiani - Pinciano
PincioPincioPincioPincioCasina Valadier - PincioHorti Sallustiani - Pinciano
Il Pincio (o colle Pinciano, dal latino mons Pincius) è un colle di Roma, alto 61 m s.l.m., che si trova a nord del Quirinale e che guarda sul [...]
Indirizzo:
Salita del Pincio, 00187 Roma RM, Pinciano, Roma, Roma Città
Descrizione:

Il Pincio (o colle Pinciano, dal latino mons Pincius) è un colle di Roma, alto 61 m s.l.m., che si trova a nord del Quirinale e che guarda sul Campo Marzio.

Sulla sommità del Pincio sorge Villa Borghese, il primo giardino pubblico di Roma ideato da Giuseppe Valadier (1834), e tutto intorno anche altre ville e giardini privati.

Qui una fantastica passeggiata urbana, la preferita da turisti e cittadini, porta a piazzale Napoleone I, la famosa terrazza del Pincio), da cui si gode di un ampio panorama della città.

La vista dalla terrazza del Pincio si apre sulla sottostante Piazza del Popolo e spazia da Roma nord, con il Rione Prati, la Cupola di San Pietro, Castel Sant'Angelo e MonteMario, a nord-ovest sul Gianicolo, a nord-est sul Quirinale, sull'Altare della Patria e sul Campidoglio; a sud-ovest, all'orizzonte, sui grattacieli dell'Eur; ciò dunque rende il Pincio uno dei posti più panoramici della Capitale.

In molte città italiane sorgono parchi panoramici che portano il nome di Pincio, per ricordare quello di Roma: da Assisi a Bologna, Perugia, Ancona, Rieti, Urbino, Civitavecchia e tante altre...

Terrazza del Pincio - La salita da piazza del Popolo al Pincio
Terrazza del Pincio - La salita da piazza del Popolo al Pincio

Passeggiata del Pincio

Alla passeggiata del Pincio si può accedere tramite le rampe che salgono da Piazza del Popolo, dal Viale di Villa Medici che lo mette in comunicazione con la Chiesa e la scalinata di Trinità dei Monti, dal Viale delle Magnolie e dal cavalcavia sul Muro Torto che lo collega dal 1908 a Villa Borghese.

Verso Piazza di Spagna, la visita prosegue con i prospetti panoramici - il cui culmine è nella terrazza di Villa Medici (se passate di lì provate a salirci in caso fosse possibile l'ingresso) - di fronte la Villa si trova la fontana a tazza conosciuta come la "Vasca del Pincio", e proseguendo i panorami sui tetti del centro storico proseguono fino alla celebre scalinata di Trinità dei Monti: grandiosa scenografia barocca opera di Francesco De Sanctis (1723-26).

I viali della passeggiata erano stati concepiti fin dalle origini per permettere il passaggio delle carrozze.
L'unico accesso rimasto rigorosamente pedonale è quello che si apre sul Viale delle Magnolie.
L'accesso monumentale al Pincio si apre su Piazza del Popolo, di cui costituisce una sorta di fondale scenografico con tre prospettive collocate sulle pendici del colle.
Queste sono collegate tra loro da piccole rampe di scale e dalla tortuosa e suggestiva Via Gabriele D'Annunzio che, delimitata da alberature secolari e abbellita da fontane, sale sulle pendici del Pincio.

La prima prospettiva, realizzata nel 1830, è costituita da tre nicchie, al centro delle quali è posta una statua antica rappresentata da Igea, la dea della salute.

La seconda prospettiva è costituita dal bassorilievo del 1830 raffigurante la Fama che incorona i Geni delle arti e del Commercio, al di sotto del quale è posto un sedile marmoreo con due leoni alati.

La terza prospettiva, sulla quale poggia la terrazza del Belvedere, è costituita da una loggia coperta a tre arcate che insiste su una costruzione nella quale sono inserite tre nicchie.

Qui, nel 1936, fu realizzato un Ninfeo come mostra dell'Acqua Vergine su disegno di Raffaele De Vico, ispirato ad un'idea di Valadier. In quest'occasione fu spostata la statua di Vittorio Emanuele che vi si trovava dal 1873.

Alla loggia si accede da due rampe di scale collocate lateralmente.

Fra la prima e la seconda prospettiva, a ridosso del primo tornante, si trova una piccola fontana ovale a scogliera rustica cui è addossata una statua antica detta di Dionisio o di Ermafrodito perché, su di un corpo con fattezze femminili era stata inserita una testa, asportata nel 1970, raffigurante un dio greco.

L'attuale sistemazione della fontana è dovuta a Raffaele De Vico che la realizzò nel 1936.

Proseguendo la salita s'incontra l'edificio del Convento di Santa Rita e una fontana realizzata con un vascone antico in granito rosso, risalente al II-III secolo.

Di forma ovale, questo è decorato con una figura di leone dalla quale fuoriesce l'acqua, e inserito in un bacino circolare.

In fondo al Viale del Pincio, si apre un piccolo slargo dove fu innalzato, nel 1883, il monumento bronzeo ai fratelli Enrico e Giovanni Cairoli, garibaldini caduti nel 1867 a Villa Glori.

Proseguendo, si giunge al piazzale Napoleone I, dal cui Belvedere si gode lo stupendo panorama.

Qui ha inizio la teoria degli uomini illustri, la serie cioè di 229 busti commemorativi collocati a partire dal 1849.

Alle spalle del belvedere si trova un grande slargo, sulla cui parte destra è situata la piccola statua di Raffaello Sanzio, realizzata nel 1838.

In asse con il piazzale c'è una fontana rotonda al centro della quale è stato posto nel 1868 il gruppo che rappresenta Mosè affidato alle acque del Nilo.

Proseguendo si incontra il Viale dell'Orologio sul quale si trova l'orologio ad acqua, il cui meccanismo è generalmente attribuito al padre domenicano Giovanni Battista Embriago.

Nel 1873, l'idrocronometro fu collocato nell'attuale posizione: al centro di un laghetto, circondato da una cancellata di ferro.

Ritornando sul piazzale, si imbocca sulla destra il Viale del Belvedere che termina in un'esedra arborea in cui è collocato il busto di Giuseppe Valdier.

Proseguendo si incontra la statua di Esculapio, formata da un corpo risalente al V secolo su cui era sistemata una testa che probabilmente risale al IV secolo.

A chiusura del viale venne collocata la statua di Cibele, riferibile ad età antoniniana, che insieme alle statue di Polimnia e dell'Abbondanza, oggi davanti all'ingresso di Villa Medici, erano conservate nel palazzo dei Conservatori in Campidoglio.

Le tre statue vennero trasferite al Pincio nel 1846.

Nel 1922, fu innalzato il monumento ad Enrico Toti.

In fondo al Viale dell'Orologio, si trova un edificio in cui sono inseriti due ascensori creati nel 1926 per permettere di salire dalla sottostante fermata del tram.

Il Viale dell'Obelisco è ancora organizzato in massima parte secondo il progetto originario del Valadier che aveva ideato una fusione tra il giardino all'italiana e il giardino romantico all'inglese.

A metà del viale, si erge l'obelisco che l'imperatore Adriano aveva dedicato al suo favorito Antinoo: rinvenuto nei pressi di Porta Maggiore, l'obelisco venne trasportato e collocato al Pincio nel 1822 per volere di Pio VII.

Tutta questa zona è organizzata in funzione della Casina Valadier, realizzata nel 1813 da Giuseppe Valadier, che ristrutturò il preesistente casino Della Rota in caffè, facendolo diventare uno dei punti focali della passeggiata.

Terrazza del Pincio - panorama su Roma
Terrazza del Pincio - panorama su Roma

Il Pincio | Il primo giardino pubblico di Roma sin dall'antichità

Dalla tarda antichità alla fine del Settecento, come si vede dalla Nuova Topografia di Roma del Nolli, il colle Pincio rimase praticamente disabitato, occupato dalla grande vigna con casale degli Agostiniani di S. Maria del Popolo, dai giardini e dalla vigna di Villa Medici, e dai giardini del convento dei Minimi - francesi, come li chiama il Nolli, o Paolotti, come li chiamava il popolo - della Trinità dei Monti.

Se Giuseppe Valadier aveva proposto a Pio VI già dal 1794 un progetto di sistemazione di Piazza del Popolo (che prevedeva tra l'altro due belle caserme di cavalleria ai due lati della porta del Popolo), l'idea di fare dell'intero colle Pinciano un giardino pubblico, destinato a dare spazio e respiro al popolo romano che da secoli viveva ammassato sulle rive del Tevere, e gloria all'imperatore, era stata dei francesi che occuparono Roma dal 2 febbraio 1808 all'11 maggio 1814.

La breve occupazione francese si lasciò dietro molti progetti e solo alcune attività avviate, ma il progetto Piazza del Popolo - Pincio era tra queste, e gli uomini che avevano in mano lo sviluppo urbanistico e monumentale della città restavano gli stessi, primi fra tutti Canova e Valadier.

Così nel giugno 1816 fu approvato il progetto di Piazza del Popolo di Valadier (rivisto "alla francese" da Louis-Martin Berthault), e in otto anni costruì l'attuale piazza e il vasto giardino del colle del Pincio.

Da allora il Pincio, primo giardino pubblico di Roma voluto da Napoleone, è forse la più cara ai romani tra le passeggiate storiche cittadine.

Valadier unì il colle più bello della città alla porta Flaminia e a Piazza del Popolo in un unicum neoclassico, superando la pendenza tra il livello della piazza e il sommo del colle con il delicato disegno dei due tornanti che salgono convergendo a metà della collina dal lato orientale della piazza verso la vasta terrazza panoramica dedicata a Napoleone I, con un viale in falsopiano, oggi viale Gabriele d'Annunzio, che sfiora i bassorilievi, la fontana, e poi i tre alti nicchioni fino alla terrazza panoramica; ideò pure la notevole quinta botanica, formata da palme e altre essenze sempreverdi, che guardano al di sopra delle rampe da Piazza del Popolo fino a un incredibile panorama della Roma rinascimentale e vaticana.
L'elemento urbano della piazza fu così collegato mirabilmente dall'architetto mediante rampe e terrazze a quello paesistico dei giardini del Pincio.
Valadier pose inoltre sul Pincio la sua residenza privata, la Casina Valadier, similmente al cassero della nave che Nelson comanda a Trafalgar.
Purtroppo per lui morì prima di potervi alloggiare, e l'edificio diventò subito caffetteria pubblica e punto di contemplazione sulla città, come è ancora oggi.
La passeggiata del Pincio collega Piazza del Popolo, Villa Medici e gli spalti del Muro Torto; si può poi continuare verso il viale della Magnolie, percorrendo il cavalcavia sopra al viale del Muro Torto, che lo collega dal 1908 a Villa Borghese.
Vi si può accedere anche dal Viale di Villa Medici, che la collega con la scalinata e la Chiesa di Trinità dei Monti

Horti Sallustiani - Pinciano
Horti Sallustiani - Pinciano

I busti del Pincio 

Per i viali del Pincio sono collocati numerosi busti, voluti originariamente durante la Repubblica Romana ma la cui collocazione ebbe inizio solo nel 1851 per decisione di Pio IX.

Il numero dei busti aumentò nel tempo, e alla fine degli anni sessanta i busti erano 228, periodicamente afflitti da attacchi di vandalismo che ne mutilano preferibilmente i nasi; le donne ritenute meritevoli di un busto sono solo tre: Vittoria Colonna, santa Caterina da Siena e Grazia Deledda.

Uno di questi busti ha una storia interessante: nel 1860 fu collocata al Pincio, vicino alla Casina Valadier, la "mira" dell'Osservatorio astronomico del Collegio Romano per la determinazione del meridiano di Roma, su richiesta del suo direttore, l'astronomo gesuita Angelo Secchi.

Era, in origine, soltanto una tavoletta di legno a scacchi poi ricostruita in marmo e incastonata su una colonna con un foro che permetteva di illuminarla di notte.

Nel 1878, alla morte del Secchi, il suo busto venne posto sulla colonna e circondato da un piccolo giardino.

Danneggiato nel 1960, fu ripristinato nel 2001 e fornisce ancora la mira.

Busti del Pincio - Villa Borghese - Roma
Busti del Pincio - Villa Borghese - Roma

Cosa vedere al Pincio | Monumenti e luoghi di interesse

Casina Valadier - Pincio - Villa Borghese - Roma
Casina Valadier - Pincio - Villa Borghese - Roma

Tra gli arredi del Pincio sono da citare:

  • Colonne rostrate, furono progettate da Giuseppe Valadier nel 1828 e realizzate due anni più tardi. Trattasi di due colonne in granito grigio provenienti dal Tempio di Venere e Roma cui furono aggiunti dei rostri e dei trofei di armi. Il monumento, pur facendo riferimento alle glorie di Roma sembra avere dei richiami del periodo napoleonico.
  • Statua di Igea con il Genio della Pace ed il Genio delle Arti, le due statue laterali sono state realizzate nel 1834 da Alessandro Massimiliano Laboreur e da Filippo Gnaccarini. Sul basamento della statua di Igea vi è un'iscrizione redatta dall'abate Rezzi.
  • Fontana di Dioniso o Ermafrodito, è sita entro una nicchia presso una fontana di una rampa. Verosimilmente era sita in una nicchia di un ninfeo di una villa romana. La testa venne asportata nel 1970.
  • Prigioni, sono state realizzate dopo il 1830 da Gnaccarini, Baini, Stocchi e Laboureur e site nella balconata della prima rampa, le statue dei prigionieri daci provengono dalla zona dell'arco di Costantino con un evidente richiamo al passato di Roma.
  • Rilievo allegorico, è sito sulla seconda rampa del Pincio. Al centro di esso è posta la Fama con le braccia aperte con ai lati i Geni delle arti e del commercio. L'opera in stile neoclassico è stata realizzata nel 1833 da Felice Baini ed Achille Stocchi.
  • Vasca di granito rosso, è posta nel secondo tornante della rampa che porta al colle. È databile ad un periodo compreso tra il II ed il III secolo. Originariamente si trovava a Piazza San Marco. Fu trasportata in questo luogo per volontà di Pio IX in un'epoca antecedente al 1870 e fu sistemata nelle forme attuali in un periodo compreso tra il 1942 ed il 1951 quando si decise a trasformarla in una fontana servita da una rete idrica creata all'uopo.
  • Leone araldico, è sito sulla salita pedonale presso il bosco inglese presso una fontana rustica. Il leone è raffigurato in posa araldica detta "passante". La zampa destra poggia su di uno scudo con la scritta SPQR. Alcuni ipotizzano che la scultura sia moderna, mente altri la vogliono risalente al XIV o al XV secolo e trasferita in questa sede dal Campidoglio nel 1847.
  • Mostra dell'Acqua Vergine. Nel 1936 una loggia sita sulla terza rampa fu trasformata in mostra del nuovo acquedotto Vergine da Raffaele De Vico che prese uno spunto dagli schizzi di Valadier. Per la realizzazione della mostra fu necessario spostare la statua di Vittorio Emanuele II nel Museo storico dei Granatieri dov'è sita attualmente.
  • Monumento ai liberi comuni dell'Italia e della battaglia di Legnano. Il bronzo fu realizzato nel 1911 per il cinquantesimo anniversario della proclamazione di Roma come capitale, da E. Botti insieme al fonditore G. Piazza. È posto al termine della terza rampa del viale D'Annunzio e raffigura Alberto da Giussano.
  • Monumento ai fratelli Cairoli. È stato realizzato da Ercole Rosa e posto nel 1883 in fondo al Viale del Pincio, al centro di un piccolo slargo,per commemorare la morte di Enrico Cairoli e Giovanni Cairoli a seguito dello scontro di Villa Glori durante la campagna dell'Agro romano per la liberazione di Roma organizzata da Giuseppe Garibaldi.
  • Colonna commemorativa a Galileo Galilei, fu posta sul viale di Trinità dei Monti nel 1887.
  • Fontana secca, è sita in una nicchia del Viale Belvedere. La nicchia è a finta grotta con stalattiti. Sopra la balconata vi sono quattro colonne con capitelli ionici. Alcune fonti storiche vogliono che sia stata realizzata nell'Ottocento.
  • Fontana dell'Anfora, è sita nello spiazzale retrostante a Villa Medici e alla Casina Valadier. Al centro della fontana vi è una statua raffigurante un nudo di donna con un'anfora in stile liberty. La statua è stata realizzata nel 1912 da Amleto Cataldi.
  • Abbondanza e Polimnia, risalgono al II secolo. Furono trovate presso l'ingresso sul retro di Villa Medici. Furono esposte al Palazzo dei Conservatori e da lì tolte dopo il 1848.
  • Il Serbatoio. La sua struttura risale tra il 1812 ed il 1814, all'epoca della realizzazione dell'Acqua Marcia, mentre il mascheramento della sua lamiera con delle losanghe ed a riquadri pseudolignei è dovuto a Gioacchino Ersoch. Fu per lungo tempo una xiloteca. Il suo aspetto ricorda l'architettura medievale elvetica.
  • Edificio degli ascensori. Fu realizzato tra il 1925 ed il 1926 su progetto dell'architetto Galli. La zona inferiore è posta come un bastione al muraglione del Pincio, e la zona superiore è sita in Viale dell'Orologio ed è in forma che ricorda il Cinquecento toscano. Due ascensori al suo interno permettevano di salire al Pincio dalla fermata del tram su Viale del Muro Torto.
  • Monumento ad Enrico Toti, è sito all'incrocio di Viale dell'Orologio col Viale Valadier. Fu realizzato da Arturo Dazzi nel 1922. La statua è a volumi squadrati secondo la moda dell'epoca.
  • Cibele. La statua risale al II secolo ed è posta su Viale Valadier. Fu posta al Palazzo dei Conservatori dal quale venne asportata nel 1848.
  • Statua di Esculapio, è posta sul Viale Valadier. Risale all'ultimo quarantennio del IV secolo. Secondo un documento iconografico la statua è posta nel luogo già negli anni trenta del 1800.
  • Fontana del Mosè. È di forma circolare, posta in un'esedra arborea. È di gusto accademico della moda dell'epoca a Roma. È stata eretta da Ascanio Brazzà ed inaugurata nel 1868. All'interno della fontana vi è il gruppo di Mosè bambino posto nelle acque del Nilo dalla madre.
  • Monumento a Raffaello Sanzio. È stato realizzato nel 1838 da Stocchi, posto in un'esedra immersa nel verde presso il belvedere. Il pittore è stato raffigurato in abiti da trovatore. La statua è in stile ottocentesco.
  • Teatro San Carlino È il teatro dei burattini di Roma. Presente sulla terrazza dal 1993, fu inaugurato in sede stabile nel 2004, con una struttura al chiuso realizzata interamente in legno. Vi vengono appresentati spettacoli di burattini, attori e musica dal vivo. È una delle più importanti strutture per l'infanzia a Roma e in Italia.

Pincio | Storia dell'antico Mons Pincius

Nonostante oggi sia in pieno centro storico a Roma, il Pincio anticamente era al di fuori dei confini originali della città e per questo non fa parte dei sette colli, tuttavia si trova all'interno delle mura aureliane costruite dall'imperatore Aureliano tra il 270 ed il 273.

Il Pincio faceva parte dell'augustea Regio VII - Via Lata - la settima delle 14 regioni di Roma augustea classificata poi nei Cataloghi regionari della metà del IV secolo.

Prese il nome dalla Via Lata (attuale Via del Corso) e si estendeva da essa, per tutto il percorso compreso fra la Porta Fontinalis delle mura serviane e la porta Flaminia delle mura aureliane, verso est, fino alle pendici del colle Quirinale, includendo totalmente il Pincio.

Molte famiglie importanti dell'Antica Roma avevano dimore e giardini (horti) sul Pincio nell'ultimo periodo repubblicano: tra i personaggi noti, vi avevano proprietà Scipione Emiliano e forse Pompeo.

Sicura invece la presenza di possedimenti di Lucullo, gli Horti Lucullani, dove in seguito venne uccisa Messalina, la moglie di Claudio, costruiti grazie al bottino realizzato con la vittoria su Mitridate nel 63 a.C.

Vi si trovavano inoltre gli Horti Sallustiani, proprietà in origine dello storico Sallustio e in seguito unificati agli horti luculliani in un'unica proprietà detta in Pincis nell'era imperiale, gli Horti Pompeiani, e gli Horti Aciliorum, degli Acilii.

Per la presenza di queste dimore, il colle era noto nell'antichità come il Collis Hortulorum (letteralmente "il colle dei giardini").

Il nome attuale viene da una delle famiglie che l'occupò nel IV secolo, i Pincii: la loro villa, con quella degli Anicii e degli Acilii, occupava la parte settentrionale della collina e un resto delle sostruzioni di queste residenze è il cosiddetto Muro Torto.

In epoca augustea la regio subì un'intensa urbanizzazione: qui Agrippa fece edificare il Campus Agrippae (dedicato nel 7 a.C.), una villa e la sua tomba, mentre sua sorella Polla fece edificare la Porticus Vipsania.

In prossimità di piazza Santi Apostoli si trovava la caserma della I coorte dei vigili e poco lontano era il mercato della carne suina, il Forum Suarium.

La fascia della VII regio lungo la via Lata nel corso del II secolo d.C. si trasformò in una zona intensamente edificata con abitazioni.

Scavi occasionali in più punti hanno rinvenuto i resti di grandi edifici in mattoni a più piani (insulae), con porticati a pilastri lungo la strada dove si aprivano le botteghe.

Tra questi edifici si doveva trovare il Catabulum, una sorta di sede delle "Poste Centrali", nei pressi della chiesa di San Marcello.

Anche nel III secolo l'attività edilizia fu intensa.

Sotto Gordiano III abbiamo notizia dell'erezione di un portico lungo mille piedi (pari a circa 3 chilometri) alle pendici del Quirinale, anche se la mancanza di resti ha fatto mettere in dubbio la veridicità della fonte.

Qui di certo Aureliano, a partire dal 273, innalzò il grande Tempio del Sole, tra via del Corso e piazza San Silvestro.

Era circondato da portici e sotto uno di questi aveva sede la distribuzione gratuita di vino (vino fiscalia).

Nei Cataloghi regionari si ricorda nella regione VII anche un portico di Costantino, forse una parte del complesso delle vicine terme di Costantino, magari facente parte del distrutto recinto.

Su questo colle sorse nel V sec. d.C. un grande palazzo imperiale, il Pinciano.

Alle pendici del Pincio, in prossimità di Piazza del Popolo, c'era la tomba dei Domizi, in cui vennero sepolte le ceneri di Nerone.

Si narra che Nerone, lo spietato imperatore famoso per le sue follie, lì si uccise (in realtà si fece uccidere da un servo perché non ebbe il coraggio di farlo da solo).

L'origine del nome della Piazza del Popolo è incerta, ma la radice etimologica della parola "Popolo" viene dal latino populus (pioppo), e - sulla base della tradizione - dove oggi sorge la Piazza c'era anticamente un boschetto di pioppi - pertinente alla tomba di Nerone, che era lì presso.

Anche sulla tomba di Nerone venne piantato un albero, e il boschetto divenne luogo prediletto di fantasmi (compreso quello di Nerone) streghe e demoni che lì si riunivano per i loro sabba.

Pare che per esorcizzare la zona, Papa Pasquale II, oltre ad abbattere l'albero, fece bruciare le ossa dell’imperatore e - a spese del popolo romano - fece costruire una cappella al posto del sepolcro - quella su cui poi sarebbe sorta la chiesa attuale di Santa Maria del Popolo: del Popolo era la Madonna, del Popolo diventò la piazza.

Nella pianta di Roma del 1593 veniva indicato come “Sepulcrum Neronis alias Muro Torto

Fra il 1810 e il 1908 sul colle venne costruita la "passeggiata del Pincio".

Nel 1814 l'impero napoleonico si dissolse ma i lavori del Pincio, già iniziati secondo il progetto dell'architetto francese Berthault, proseguirono sotto il restaurato governo pontificio e furono diretti dal Valadier.

 

Send message to listing owner

Send message to moderator

Leave a comment

more
Allowed HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <blockquote> <code> <em> <strong>